Scroll to top
© 2020, theme by ActingOut creative agency.
Share

Maifemili

Spettacolo comico tragico poetico su cose di famiglia

Di e con Giorgia Goldini
Regia Anna Meacci
Luci Agostino Nardella
Scene e costumi Lucia Giorgio
Produzione E20 in scena
Si ringraziano Fondazione Sipario Toscana, la Città del Teatro di Cascina e il Teatro della Caduta

 

Quanto è vero che quello che noi crediamo vero finisce con il diventarlo
anche se non lo è?

E quanto questo può condizionare la nostra vita?
Ma non sarebbe più facile credere alle cose vere e basta?
O forse tutto questo avviene proprio
per non vedere le cose come stano davvero?

 

Uno spettacolo per domatori con la frusta senza leoni. Con Giorgia Goldini e la partecipazione inconsapevole della sua famiglia, delle famiglie di altri, della famiglia come concetto, di concetti familiari. Su tutte quelle cose trovate nei cassetti spostando mutande, cercando segreti. “Sulle cose così come me le ricordo io, così come io avrei voluto fossero andate, così come sono davvero…”

All’inizio inizia lo spettacolo e si parte con una foto di mio papà.
In alcuni punti fa ridere e piangere contemporaneamente, che come concetto mi ricorda l’arcobaleno, come quello che avevo sulle mie scarpe di vernice lilla. Bellissime, numero 25. In altri punti ti fa sentire che in fondo non sei solo perché anche le famiglie degli altri sono strane, non solo la tua. Dura un’ora. E poi alla fine ti accorgi che tutto è possibile. Che non vorrei essere di parte, ma secondo me non è poco.

E’ una storia di amore e di dolore, di responsabilità, di doveri, di fantasia, di soluzioni e di risposte. Un monologo a più voci, comico e tragico, assurdo, poetico, a tratti impossibile così come solo la mente di un bambino potrebbe crearlo. E’ uno spettacolo che parla del vuoto e di quello che ne prende il posto, certe volte. Maifemili non è la soluzione, non è un miracolo, non cambierà le cose, non cancellerà quello che ho pensato. Non è stato facile, non sapevo se avrebbe funzionato ma speravo che avrebbe cambiato qualcosa. Non ha cambiato niente.
E’ stato il tentativo di raccontare qualcosa di vero, davvero.

 

Dove è stato a Torino:

Debutta all’interno di “ComicA! donne da ridere”- Teatro Cardinal Massaia, Casa del Teatro Ragazzi e Giovani, Teatro della Caduta, Rassegna “Una sera a Teatro”- Teatro Espace, Garage Vian, Torino Fringe Festival.

Nel mondo:

Rassegna “ComicA! donne da ridere”. Teatro Excelsior. Reggello
Teatro in Villa. Quinto di Treviso
Next Generation Festival. Padova
Rassegna “ComicA! donne da ridere”. Teatro Everest  San Casciano Val di Pesa
Teatro del Lavoro. Pinerolo
Festival dell’Arena. Roma

 

Foto e grafica: Chiara Allione
VIdeo: ActingOut creative agency